venerdì 28 settembre 2012

SEQUENZE SISMICHE DEL GIAPPONE E DELLA CALIFORNIA DEL SUD 2012

Nei grafici allegati sono riportati gli andamenti temporali dei valori massimi mensili di magnitudo opportunamente filtrati ed i segnali di attenzione di medio periodo generati dall’algoritmo AR3.
L’algoritmo AR3 analizza tre delle quattro onde generate dagli algoritmi EPTR12 ed EPTR13 per individuare i segnali di attenzione e prevedere i terremoti più forti.
Questi due ultimi modelli sono in grado di stimare la magnitudo dell’evento associato ad ogni singolo segnale di attenzione.
Per illustrare il metodo di previsione  sono state analizzate le aree del Giappone e della California del Sud utilizzando valori di magnitudo uguali o maggiori di un assegnato valore di base.
Sui grafici sono riportati i segnali di attenzione di primo ordine (triangoli verdi) che quelli di secondo ordine (triangoli rossi).
Questi ultimi si attivano quando l’onda di colore verde incrocia quella di colore rosso.
I segnali che si sono attivati nei tests effettuati, sono abbastanza chiari ed anticipano di pochi mesi l’evento più forte della fase di rilascio di energia.

Nella sequenza della California del Sud con il triangolo di colore viola è stato indicato un falso segnale.

Previsione: Al momento le sequenze sismiche sono in una fase di assestamento seguita all’ultimo evento importante accaduto. Sull’indicatore AR3 si nota l’onda di colore verde in fase discendente che ha incrociato l’onda di colore rosso. Occorre attendere l'attivazione di un nuovo segnale per valutare la magnitudo del prossimo evento.


©   Dr. Geol. Giulio Riga – RIPRODUZIONE TASSATIVAMENTE VIETATA
Figura 1 - Andamento temporale dei valori di magnitudo M≥2 e segnali di attenzione

Figura 2 - Andamento temporale dei valori di magnitudo M≥6 e segnali di attenzione
Figura 3 - Andamento temporale dei valori di magnitudo M≥2 e segnali di attenzione
Figura 4 - Andamento temporale dei valori di magnitudo M≥5 e segnali di attenzione

Nessun commento:

Posta un commento